Home | Chi Siamo | News | Lezioni | Glossario | L'Isola di Patmos | Studi | Varie | Bibliografia | Blog

   
   














































 

 

 

 

 

LEZIONI E CORSI Fine Ultimo


 

Introduzione al corso su Il Fine Ultimo

Queste dieci lezioni che Padre Tomas tenne nell’anno scolastico 1986-1987 presso la Studio Teologico Accademico Bolognese trattano della questione fondamentale della condotta umana: quella del fine ultimo.
L’agire umano, nel senso dell’agire da uomo o in quanto uomo, comporta l’agire volontario per un fine e questo fine non può che essere un fine “ultimo”, ovverosia assoluto, incondizionato ed intrascendibile.
L’uomo, qualunque azione compia, non può non agire per un siffatto fine. Il che non vuol dire ancora agire in vista di giungere a Dio o in obbedienza a Dio. Ciò non dipende dall’atto umano libero come tale, ma da una scelta precisa dell’uomo, scelta che può variare da uomo a uomo, perchè la scelta di Dio non è determinata dalla natura dell’atto umano come tale, ma da un certo atto, posto liberamente, che può anche non essere posto. Sotto questo punto di vista l’uomo può scegliere per Dio ma anche contro Dio.
Padre Tyn stabilisce anche l’esistenza e la necessità del fine ultimo naturale distinto da quello soprannaturale. Fine naturale è la contemplazione di Dio come causa prima dell’universo; fine soprannaturale è la beatitudine assicurata dalla vita cristiana come contemplazione immediata dell’essenza del Dio trinitario.
Padre Tyn commenta le prime cinque questioni della I-II della Somma Teologica di S.Tommaso, dove l’Aquinate passa in rassegna una serie di valori domandandosi per ciascuno se in esso consiste la beatitudine dell’uomo. Trattandosi di valori semplicemente creati e finiti, essi vengono scartati ad un ad uno con ponderate considerazioni, sino a giungere alla conclusione, ben fondata, che la vera beatitudine dell’uomo consiste nella visione immediata della divina essenza.
Il fine ultimo si chiama così perché, benchè esso sia il primo nell’intenzione, esso è l’ultimo ad essere conseguito, per cui è quel fine al conseguimento del quale si ordina il raggiungimento di tutti i fini intermedi che vengon raggiunti nella vita presente. Padre Tomas, seguendo l’insegnamento dell’Aquinate, dimostra che il vero fine ultimo, il vero Assoluto e sommo bene, è Dio, il quale trascende tutti i beni finiti della vita presente, i quali possono avere per l’uomo l’apparenza dell’assoluto, ma gli danno una falsa felicità.
Il fine ultimo nell’ordine dell’appetibile e del bene è la causa prima nell’ordine dell’essere. E poichè l’appetizione della volontà suppone la conoscenza dell’intelletto, il fine ultimo può essere desiderato solo dopo che la ragione ha stabilito l’esistenza della causa prima, perché è appunto questa che si presenta come fine ultimo della volontà.
Questa trattazione di Padre Tyn si mostra utile oggi per evitare due errori opposti: l’errore secolarista-materialista, che riduce il fine dell’uomo nei limiti dello stesso uomo, chiudendosi al conseguimento del bene divino trascendente, oltre i confini della vita presente; e l’errore trascendentalista, di marca idealista-panteista, che risolve l’uomo in un’“autotrascendenza” verso un Dio che non trascende l’uomo ma è semplicemente l’“orizzonte” di questa autotrascendenza.
Il primo deprime la dignità umana abbassandola al livello dell’animale; il secondo la esalta eccessivamente confondendo la natura umana con quella divina. Il primo nega la trascendenza, il secondo ne propone una concezione falsa. Entrambi chiudono all’uomo la via verso la sua vera felicità: l’azione libera e responsabile in vista del raggiungimento del fine ultimo, sommo bene che è Dio.



 

   

Contatti • Links • Archivio • Privacy